Da non perdere

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Sparatoria ad Amburgo: attacco alla sala dei Testimoni di Geova in Germania

Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha denunciato un "brutale atto di violenza" dopo una sparatoria che, secondo quanto riferito, ha causato almeno sette morti e dozzine di feriti in un centro dei Testimoni di Geova ad Amburgo giovedì notte.

Secondo le prime ricostruzioni della polizia il movente dell’attentato non sarebbe ancora chiaro, in queste prime ore cruciali per la ricostruzione degli avvenimenti, il Cancelliere Tedesco Olaf Scholz si unisce al dolore della comunità dei Testimoni di Geova tedeschi, comunità che ammonisce sulla possibilità di un attacco diretto al proprio credo.

Il bilancio delle vittime

Secondo i media locali, il bilancio delle vittime si sarebbe fermato a otto morti e 25 feriti, di cui otto ricoverati in gravi condizioni, non sarebbe tuttavia chiaro se l’attentatore sia da intendersi parte del bilancio; in queste prime ore infatti la polizia non avrebbe collaborato con la stampa, non confermano ne smentendo il bilancio delle vittime stimato.

La dinamica dell’attentato

Intorno alle 21:00 di Giovedì 9 marzo 2023, una delle più importanti città portuali della Germania, Amburgo, è stata investita da attimi di terrore e palpitazione, nel Tempio dei Testimoni di Geova in via Deelböge, nel quartiere Alsterdorf durante la ricorrente celebrazione iniziata alle 19:00, un uomo sarebbe entrato armato, per aprire poi il fuco sui fedeli due oro dopo l’inizio della celebrazione.

Testimoni riportano che alcuni agenti si sarebbero trovati nei pressi della chiesa per caso al momento della sparatoria, allertando celermente la centrale. Stando alla prima dichiarazione delle forze dell’ordine ai giornalisti presenti su posto: “La Polizia non ha indicazioni di complici dell’attentato in fuga”, dichiarazione a cui seguì la rivelazione secondo il quale l’autore stesso dell’attentato sarebbe stato rinvenuto tra i cadaveri all’interno della chiesa.

Nonostante l’apparente sicurezza della polizia in merito all’identificazione dell’attentatore, la polizia di Amburgo avrebbe avviato un’imponente operazione nel quartiere GrossBorstel della città, sigillando le strade e inviando un sms a tutta la cittadinanza, ammonendo dell’inviolabilità del perimetro; intimando i residenti del quartiere a rimanere nelle proprie abitazioni e di lasciare liberi i canali di comunicazione.

“Secondo i primi risultati, i colpi sono stati sparati in una chiesa in Deelbögestrasse nel distretto di GrossBorstel”, avrebbe dichiarato immediatamente il Capo della Polizia. “Diverse persone sono rimaste gravemente ferite, alcune mortalmente. Siamo sul posto con un nutrito contingente di ufficiali”.

Le prime testimonianze dirette

Un‘unità armata specializzata si trovava già per caso nei presi della scena quando è avvenuta la sparatoria, hanno riferito i media locali. Stavano tornando all’alloggio nel loro quartier generale ad Alsterdorf quando hanno sentito degli spari.

sparatoria al Tempio dei Testimoni di Geova
Polizia di Amburgo sulla scena del crimine

Il reporter Heiko Sander ha dichiarato alla stampa che “la polizia nelle vicinanze ha agito dopo aver sentito sparare diversi colpi. Sono entrati nell’edificio e hanno iniziato a evacuare le persone, inclusa una donna incinta”.
Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno trovato diverse persone gravemente ferite e alcune morte. “Poi hanno sentito uno sparo dall’alto, sono saliti al piano di sopra e hanno trovato un’altra persona”, secondo un portavoce della polizia.

Un testimone anonimo sosterrebbe di aver sentito un numero preciso di spari: “Ci sono stati 12 colpi continui… poi abbiamo visto come le persone venivano portate via in sacchi neri”, ha detto ai media locali.

Un’altra testimone invece, di 23 anni, di nome Lara Bauch ha dichiarato di aver sentito “circa quattro pause tra gli spari, dopo queste pause venivano sempre sparati diversi colpi, a distanza variabile, da circa 20 secondi a un minuto”; aggiungendo poi di aver “visto una persona che correva freneticamente dal piano terra al primo piano dei Testimoni di Geova”.

La comunità dei Testimoni di Geova Tedesca

Circa 175.000 persone in Germania si professano Testimoni di Geova, di cui 3.800 ad Amburgo. Il movimento cristiano istituito negli Stati Uniti alla fine del XIX secolo predica la non violenza ed è noto per l’evangelizzazione porta a porta.

Il sindaco di Amburgo, Peter Tschentscher, ha dichiarato: “Estendo le mie più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime. La polizia sta lavorando a pieno ritmo per perseguire gli autori e chiarire i precedenti”.

La Germania è stata scossa da numerose sparatorie di massa negli ultimi anni. Nel febbraio 2020 un estremista di estrema destra ha ucciso 10 persone e ne ha ferite altre cinque nella città di Hanau, nella Germania centrale, mentre nel 2019, due persone sono state uccise dopo che un neonazista avrebbe tentato di assaltare una sinagoga ad Halle durante la festa ebraica di Yom Kippur.

Articoli Recenti

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

Newsletter

Meteo

Roma
cielo sereno
26.9 ° C
29.2 °
23.9 °
39 %
2.1kmh
0 %
Mer
27 °
Gio
37 °
Ven
38 °
Sab
33 °
Dom
25 °

Altri Articoli

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica interessante e in un certo senso simile al bonus benzina di qualche settimana fa. La norma...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi di bonus. Certamente mancano le risorse, ma forse anche la visione di insieme. Oggi sono stati...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...