Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

L'Arabia Saudita è disposta a normalizzare le relazioni con Israele in cambio di un patto di difesa degli Stati Uniti e di un programma nucleare civile.

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra le due potenze. Secondo alcune indiscrezioni l’attesa potrebbe essere terminata, la collaborazione tra i due paesi rivoluzionerebbe drasticamente l’intero quadro geopolitico del medio-oriente.

Gli Stati Uniti hanno chiarito che le relazioni ufficiali tra i loro due alleati in Medio Oriente sono una priorità assoluta, con l’alto diplomatico Antony Blinken che lo definirebbe addirittura un “interesse di sicurezza nazionale”.

La notizia arriva a pochi mesi dal termine delle ostilità tra Arabia Saudita e Iran, che avrebbero deciso di intraprendere nuove relazioni diplomatiche dopo anni di animosità.

L’annuncio dell’Arabia Saudita

Mercoledì, il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, ha detto al canale statunitense Fox News: “Ogni giorno ci avviciniamo ad un accordo di normalizzazione con Israele”.

Certo la strada da intraprendere per il raggiungimento di un traguardo tanto ambizioso non manca di alcune sfide da affrontare, Riyadh infatti pretenderebbe un patto di difesa degli Stati Uniti, comprese meno restrizioni alle vendite di armi statunitensi e assistenza nello sviluppo del proprio programma nucleare civile.

Il principe Salam avrebbe anche avvertito che qualsiasi accordo richiederebbe importanti progressi verso la creazione di uno stato palestinese, pretesa a dirla tutta davvero ardita da proporre al governo nazionalista più religioso e di estrema destra noto nella storia di Israele.

L‘Arabia Saudita infatti sarebbe stata una grande sostenitrice dell’iniziativa di pace araba del 2002, che condiziona la normalizzazione con Israele al suo ritiro dal territorio palestinese e dalle alture del Golan in Siria.

La risposta di Israele

Giovedì, il ministro degli Esteri israeliano parrebbe aver avuto un tono ottimista, sostenendo di essere in grado si adempiere alle richieste avanzata da Riyadh, così da raggiungere un accordo definitivo nel più breve tempo possibile.

“Le lacune possono essere colmate“, ha detto Eli Cohen alla radio dell’esercito israeliana. “Penso che ci sia certamente la probabilità che, nel primo trimestre del 2024, tra quattro o cinque mesi, saremo in grado di essere in un punto in cui i dettagli saranno finalizzati”, ha aggiunto.

I nodi dell’accordo da sciogliere

Il desiderio dell’Arabia Saudita di costruire un programma nucleare non sembra essere un ostacolo, Tzachi Hanegbi infatti, consigliere per la sicurezza nazionale di Israele, avrebbe rassicurato la stampa già a luglio: “Decine di paesi gestiscono progetti con nuclei nucleari civili e con sforzi nucleari per l’energia, questo non è qualcosa che mette in pericolo né loro né i loro vicini”.

Tuttavia, il governo di Netanyahu, incluso il ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben-Gvir, avrebbe respinto le “concessioni” al governo dell’Autorità palestinese come parte della normalizzazione delle relazioni, incluso un congelamento degli insediamenti nella Cisgiordania occupata.

La reazione Palestinese

secondo un rapporto del Wall Street Journal, una delegazione di funzionari della Palestina si sarebbe recata il mese scorso a Riyadh per premere sulla propria serie di condizioni in cambio dell’accordo con l’Arabia Saudita che normalizza i legami con Israele.

Le condizioni includerebbero la riapertura del consolato degli Stati Uniti a Gerusalemme Est occupata, che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump chiuse nel 2019, inoltre si pretenderebbe anche il pieno appoggio degli Stati Uniti per il raggiungimento una piena rappresentanza della Palestine alle Nazioni Unite.

Reazione, quella della autorità palestinesi, decisamente discordante da quella avuta in origine, ovvero appena saputo dell’intenzione del Bahrain e degli Emirati Arabi Uniti di intraprendere un accordo di normalizzazione delle relazioni diplomatiche con Israele, all’epoca infatti la palestina accusò gli stati del golfo di averli “Pugnalati alla schiena”.

La contrarietà dell’Iran agli accordi

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi avrebbe messo in guardia l’Arabia Saudita dal fare qualsiasi accordo con Israele.

In una conferenza stampa, sempre a New York ai margini dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Raisi avrebbe dichiarato che un tale accordo sarebbe una “pugnalata alle spalle del popolo palestinese e della sua resistenza.

“In nessun caso i paesi regionali sono disposti che i paesi islamici abbandonino il sacro principio della situazione del popolo palestinese, perché la liberazione della città santa di Gerusalemme è al centro della fede di tutti i musulmani“, ha detto Raisi.

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Le Nazioni Unite potrebbero salvare la Libia dall’oblio in cui la abbiamo abbandonata

La comunità internazionale stima che non si raggiungerà una...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
12.5 ° C
13.9 °
9.3 °
64 %
4.6kmh
40 %
Mer
13 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe prevista "nei prossimi giorni", inoltre si sarebbe tenuto a precisare che l'incontro sarebbe stato fortemente...