Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

La situazione operativa volatile in Pakistan persisterà nei prossimi mesi. I piani di emergenza devono tenere conto delle proteste violente e degli attacchi terroristici che possono comportare cordoli di sicurezza come il coprifuoco, nonché la carenza di articoli essenziali come carburante e materie prime.

L’arresto dell’ex primo ministro Imran Khan in un caso di corruzione il 9 maggio ha intensificato le proteste a livello nazionale da parte del suo partito Tehrik-e-Insaf (PTI). Le manifestazioni sono una delle tante sfide affrontate dal governo in carica, il Movimento Democratico del Pakistan (PDM) guidato dalla Lega Musulmana Nawaz (PML-N) che potrebbe gravemente esacerbare i rischi operativi nel paese per tutto il 2023.

Il ruolo di Imran Khan nei disordini in Pakistan

In primo luogo, PTI ha tenuto regolarmente proteste dall’aprile 2022, da quando Khan ha perso il potere in un voto di fiducia. Violenze occasionali si sarebbero verificate durante le passate manifestazioni del PTI, come nel novembre 2022 dopo che Khan è stato colpito alla gamba durante un discorso pubblico.

Anche se Khan ha ottenuto la cauzione contro gli arresti nella maggior parte dei casi fino all’inizio di giugno, rimane il rischio che affronti arresti ripetuti e una potenziale esclusione forzata dalla politica se condannato. Ciò è dovuto alla moltitudine di cause legali contro di lui, principalmente per accuse di corruzione durante il suo mandato e discorsi incitanti durante i raduni anti-governativi.

Inoltre, Khan sosterrebbe che la sua vita sia minacciata e che debba affrontare la persecuzione da parte di tutti movimenti politici e militari. Qualsiasi attacco percepito o reale a Khan rischia di innescare una nuova ondata di violenti disordini nel paese.

L’ex primo ministro e capo del PTI Imran Khan infatti, una volta arrestato il 9 maggio dalle forze paramilitari, avrebbe innescato violenti disordini che hanno provocato dozzine di vittime e arresti di oltre 1.000 persone. Qualsiasi protesta di opposizione di questo tipo quindi, avrebbe un significato politico e potrebbe destabilizzare il governo al potere sotto PML-N.

Il rischio delle destre islamiste in Pakistan

È probabile che il vuoto politico risultante vada ulteriormente a beneficio dei partiti islamisti di estrema destra come il Jamaat-e-Islami e il Jamiat Ulema-e-Islam (JUI-F); questi partiti sono cresciuti in statura politica negli ultimi anni, sfruttando la disillusione popolare nata con i governi guidati da partiti relativamente moderati come il PML-N e Il PTI.

Il ritardo dell’attuale amministrazione nello svolgimento delle elezioni provinciali nelle province di Khyber Pakhtunkhwa e Punjab, nonostante una sentenza della Corte Suprema, è servito da parafulmine per le proteste. Entrambe le assemblee provinciali sono state licenziate dopo le dimissioni di massa da parte dei legislatori del partito PTI di maggioranza a gennaio, come parte delle strategie in corso da parte del PTI per forzare le elezioni generali anticipate.

I negoziati diretti tra i partiti politici sulla data delle elezioni rimangono in stallo da metà maggio, anche se tutti i partiti avrebbero accettato di tenere contemporaneamente elezioni generali e provinciali per ridurre al minimo la spesa in mezzo a una grave crisi economica. Anche i gruppi della società civile si sono uniti alle manifestazioni nelle ultime settimane, chiedendo al governo di rispettare le scadenze elettorali costituzionali e i verdetti legali.

Tuttavia, la precarietà dei sondaggi provinciali è solo il culmine di una lunga rissa tra la magistratura e il partito al governo. Il giudice capo del Pakistan (CJP) e il primo ministro Shahbaz Sharif si sono criticati pubblicamente a vicenda, principalmente da quando il CJP ha governato nel luglio 2022 per consentire a Chaudhry Pervaiz Elahi del PTI di continuare come primo ministro ad interim della provincia del Punjab, almeno fino a quando non si verificheranno nuove elezioni provinciali.

I rapporti tra Governo e Magistratura in Pakistan

Il CJP avrebbe favorito il governo al potere durante l’udienza, affermando che la decisione, senza precedenti, del governo federale di non approvare nessuno dei suoi candidati per i Giudici della Corte Suprema durante il suo mandato, sarebbe stata una mossa di ritorsione.

L’attuale governo ha anche approvato il disegno di legge 2023 della Corte Suprema, alla fine di marzo, cercando di ridurre i poteri del CJP di formare le commissioni dei giudici nelle le udienze. Il disegno di legge sarebbe oggi sotto esame legale, mentre il PTI ha guidato raduni in solidarietà con il CJP.

Indicando il sostegno pubblico del PTI al CJP, i leader del PDM si sarebbero radunati fuori dall’edificio della Corte Suprema il 15 maggio, per opporsi alla presunta partigianeria e all’ingiustizia nelle richieste di cauzione di successo di Khan.

Le relazioni tra le ali esecutive e giudiziarie probabilmente peggioreranno nei prossimi mesi, specialmente se il PML-N tenterà di posticipare ulteriormente le elezioni generali o se dovesse prendere decisioni legali per limitare o vietare la partecipazione elettorale di Khan e del suo partito.

Il Giudice Capo del Pakistan, Umar Ata Bandial, è stato ripetutamente in disaccordo con il governo al potere su varie questioni, tra cui la proposta di rinvio delle elezioni provinciali e l’arresto di Imran Khan, che avrebbe scatenato vilente proteste a livello nazionale.

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Le Nazioni Unite potrebbero salvare la Libia dall’oblio in cui la abbiamo abbandonata

La comunità internazionale stima che non si raggiungerà una...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...