Da non perdere

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Sondaggi politici. L’effetto Schlein e il dramma di Cutro

Ecco i sondaggi della settimana. Per tenersi aggiornati sulle intenzioni di voto e capire come le mosse della politica influenzano le idee dei cittadini. Per capire, in sostanza, l’indirizzo del Paese. Buona lettura!

È lunedì. E come ogni lunedì, vi accompagniamo nella lettura e nella comprensione dei dati relativi ai sondaggi politico-elettorali pubblicato dal sito ufficiale dei Sondaggi Politici ed elettorali a cura del Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’elezione di Elly Schlein a segretaria del Pd continua a dare i suoi effetti sui risultati dei sondaggi: il Partito democratico supera stabilmente il Movimento 5 Stelle e torna a essere il secondo partito italiano, toccando il 19% dei consensi. Parallelamente, perdono consensi i partiti di governo: Fratelli d’Italia scende ampiamente sotto il 30%, la Lega si stabilizza al 9% e Forza Italia viene superata in pianta stabile da Azione-Italia Viva. Pesa naturalmente la reazione del governo alla strage di Cutro, con le inaccettabili dichiarazioni del ministro Piantedosi e della stessa premier Meloni. Il primo, a caldo, si era lasciato sfuggire parole che colpevolizzavano le vittime; la seconda, invece, non solo continua a dare tutta la colpa delle tragedie che si consumano nel Mediterraneo agli scafisti – ignorando volutamente le inefficaci e disumane politiche migratorie del nostro Paese, che la politica potrebbe cambiare -, ma, incontrando i familiari delle vittime, ha chiesto loro se “conoscono i rischi” della traversata. Viene da rispondere, senza pensarci troppo, che sì, li conoscono, ma evidentemente è un’opzione migliore.

A testimonianza della reazione negativa, da parte dell’elettorato, alle risposte della maggioranza al naufragio – i dubbi sulla catena di comando, il Consiglio dei ministri a Cutro, l’inasprimento delle pene agli scafisti -, i sondaggi hanno rilevato una netta diminuzione della fiducia nel governo, che scende sotto la soglia del 50% (44,7%).  Contestualmente, si registra una diminuzione dell’astensionismo (39,7%): segno che sempre più persone si schierano all’opposizione.

Di seguito i sondaggi che abbiamo analizzato e in chiusura i dati sull’astensionismo e la fiducia nel governo Meloni.

Realizzato tra 9 e 10 marzo su un campione di 1.000 intervistati
Realizzato tra 7 e 9 marzo su un campione di 805 intervistati
Realizzato l’8 marzo su un campione di 800 intervistati
Realizzato tra 7 e 9 marzo su un campione di 4.200 intervistati
Realizzato il 9 marzo su un campione di 1.324 intervistati
Realizzato tra 8 e 13 marzo su un campione di 1.200 intervistati
Realizzato il 13 marzo su un campione di 800 intervistati
Realizzato tra 14 e 16 marzo su un campione di 1.000 intervistati
Realizzato tra 16 e 20 marzo su un campione di 1.000 intervistati
Realizzato tra 10 e 11 marzo su un campione di 1.034 intervistati
Realizzato il 15 marzo su un campione di 800 intervistati
Media dei sondaggi analizzati realizzata dalla Redazione di Informazione Politica
Dati sull’astensionismo in riferimento agli istituti che li hanno rilevati
Dati sulla fiducia nel governo Meloni in riferimento agli istituti che li hanno rilevati

Articoli Recenti

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

Newsletter

Meteo

Roma
cielo sereno
32.1 ° C
33.4 °
29.8 °
39 %
1.5kmh
0 %
Mar
35 °
Mer
37 °
Gio
37 °
Ven
36 °
Sab
36 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica interessante e in un certo senso simile al bonus benzina di qualche settimana fa. La norma...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi di bonus. Certamente mancano le risorse, ma forse anche la visione di insieme. Oggi sono stati...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...