Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Sondaggi politici (3-9 aprile). Fratelli d’Italia si schianta sui compromessi

Ecco i sondaggi della settimana. Per tenersi aggiornati sulle intenzioni di voto e capire come le mosse della politica influenzano le idee dei cittadini. Per capire, in sostanza, l’indirizzo del Paese. Buona lettura!

È lunedì. E come ogni lunedì, vi accompagniamo nella lettura e nella comprensione dei dati relativi ai sondaggi politico-elettorali pubblicato dal sito ufficiale dei Sondaggi Politici ed elettorali a cura del Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La discesa di Fratelli d’Italia sembra non avere fine. Anche questa settimana, il partito di Giorgia Meloni segna un -0,2%, un dato che certifica il non gradimento, da parte dell’elettorato, per l’attuale politica del principale partito di maggioranza. E non hanno tutti i torti, gli elettori di Fratelli d’Italia: rispetto alle grandi promesse in campagna elettorale, Meloni sta deludendo le loro attese.

Il grande tema della settimana in cui sono stati effettuati i sondaggi è stato quello dei migranti. In campagna elettorale, Meloni aveva promesso di diminuire gli ingressi e di cambiare l’attuale sistema di accoglienza in Europa. Ma di fronte alla realtà, il governo a trazione Fratelli d’Italia ha dovuto fare marcia indietro, ha dovuto scendere a compromessi o, meglio, ha dovuto accettare la realtà: che la migrazione non è un fenomeno che si può gestire nell’ottica ristretta degli stati nazionali. La crisi in Tunisia, infatti, ha moltiplicato le partenze dall’Africa all’Europa: dal 1° gennaio-27 marzo sono sbarcati sulle coste italiane 26.927 migranti, 20.384 in più rispetto ai 6.543 dello stesso periodo nel 2022. E il sistema degli hotspot in Italia è in difficoltà: quello di Lampedusa, solo per citare quello che, negli anni, è maggiormente assurto agli onori della cronaca, ospita quasi il 400% di migranti in più rispetto alla sua capienza massima.

Se questi sono i numeri – da record – servirebbe sì aprire un dialogo in Europa – dialogo che, bisogna ricordarlo, nei mesi scorsi è stato fatto naufragare proprio dai Paesi sovranisti a cui Meloni guarda con favore, Ungheria in primis. Ma in questo momento la posizione dell’Italia non è tra le più favorevoli. E non solo perché Giorgia Meloni non dà le stesse garanzie di Mario Draghi. In questo momento, è il nodo dei ritardi sul Pnrr a far guardare a Roma non certo con benevolenza. E, cosa ancor più grave, il governo italiano non si prende le sue responsabilità, scaricandole sull’esecutivo precedente.

Insomma, l’enorme occasione che l’Italia ha con il Pnrr non solo rischia di non essere sfruttata, ma rischia anche di marginalizzare l’Italia all’interno dell’Unione Europea.

Chi trae più beneficio da questa situazione è certamente la Lega, che mantiene la sua posizione intransigente sulla questione migranti e guadagna lo 0,3%. Prima, piccola battuta d’arresto per il Partito Democratico, che segna un -0,1% e non riesce a sfondare la quota 20%, ma resta a +4% dal Movimento 5 Stelle. Un risultato impensabile, appena due mesi fa.

Di seguito i sondaggi che abbiamo considerato, seguiti, come sempre, dalla nostra media e dai dati sull’astensionismo.

Proger IndexResearch per Piazza Pulita

Realizzato il 29 marzo su un campione di 800 interviste

Tecnè per agenzia dire

Realizzato tra il 30 e il 31 marzo su un campione di 1.000 interviste

Termometro Politico per True Data

Realizzato tra 28 e 30 marzo su un campione di 4.200 interviste

SWG per La7

Realizzato tra 29 marzo e 3 aprile su un campione di 1.200 interviste

Emg Different per Rai

Realizzato il 30 marzo su un campione di 1.333 interviste

Quorum per Sky TG24

Realizzato tra 28 e 30 marzo su un campione di 802 interviste

Media della redazione di Informazione Politica

Astensionismo

10

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
12.5 ° C
13.9 °
9.3 °
64 %
4.6kmh
40 %
Mer
13 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...