Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Regno Unito di Rishi Sunak: il definitivo cambio di passo per Londra

Il Primo Ministro inglese Rishi Sunak parla ai microfoni del "Lord Mayor of London's Banquet", durante la prestigiosa occasione, il Premier rivela al mondo quali sarebbero i suoi piani per riaffermare il Regno Unito a protagonista di un contesto internazionale ogni giorno più competitivo.

Il Primo Ministro britannico Rishi Sunak rivela, al Lord Mayor of London’s Banquet, la sua innovativa e quantomai realistica visione del mondo; nella sua prima vera vetrina internazionale l’inquilino del 10 di Downing Street ribadisce la necessità di tutelare i valori britannici di “libertà e apertura”, senza tuttavia essere ciechi difronte alle nuove dinamiche internazionali.

I nuovi rapporti tra UK e India

Sunak  avrebbe confidato ai microfoni che, a suo modo i vedere, le prospettive di crescita più incoraggianti nel periodo a medio-lungo termine sarebbero da ricercare proprio nell’India che ha dato i natali ai suoi nonni, dichiarando: “Prima di entrare in politica, ho investito nelle imprese di tutto il mondo e le opportunità nell’Indo-Pacifico sono avvincenti”.

Stando alle previsioni fatte dallo stesso Rishi Sunak la regione Indo-Pacifica produrrà oltre la metà della crescita globale già entro il 2050, ricordando che il blocco Europa/America del Nord uniti ne produrranno a malapena un quarto

La costante che Sunak avrebbe ribadito più volte nel suo discorso è che i Leader storici non possono continuare ad ignorare i nuovi protagonisti dello scenario internazionale, riconoscendo tuttavia sempre il più grande pregio del blocco occidentale, il perseguimento costante dei valori di Democrazia, Libertà ed inclusione.

Come molti altri, i miei nonni sono venuti nel Regno Unito, attraverso l’Africa orientale e il subcontinente indiano, e si sono guadagnati la vita qui. Negli ultimi anni abbiamo accolto migliaia di persone provenienti da Hong Kong, Afghanistan e Ucraina. Siamo un paese che si batte per i nostri valori, che difende la democrazia con le azioni, non solo con le parole”, ha osservato.

La necessaria presa di coscienza sulla Cina

Indubbiamente uno dei temi più caldi per il Premier Britannico Sunak è la questione del colosso asiatico, sull’argomento avrebbe rivelato di voler “evolvere” l’approccio del Regno Unito nei confronti della Cina, prendendo definitivamente le distanze dallo storico slogan che da sette anni a questa parte ha riassunto i rapporti tra le due Nazioni, “Golden age is over“, ovvero l’epoca d’oro è finita.

Sia chiaro, la cosiddetta ‘epoca d’oro’ è finita, insieme all’idea ingenua che il commercio porterebbe a riforme sociali e politiche. Ma non dobbiamo nemmeno fare affidamento sulla semplicistica retorica della Guerra Fredda. Riconosciamo che la Cina rappresenta una sfida sistemica per i nostri valori e interessi, una sfida che diventa più acuta mentre si muove verso un autoritarismo ancora maggiore”, ha ammonito.

L’ex cancelliere 42enne ha poi voluto riconoscere un imperdonabile ritardo del Regno Unito nel riconoscimento della Cina come cruciale protagonista negli “affari mondiali”, denunciando che ormai da tempo altre economie leader come Usa, Giappone e Australia, hanno smesso di riconoscere al governo di Xi Jin Ping marginalità in materie internazionali.

Sunak ha quindi chiuso il capitolo Cina con la promessa che il Regno Unito riserverà a Pechino maggiore attenzione e consapevolezza: “Insieme gestiremo questa concorrenza sempre più acuta, anche con la diplomazia e l’impegno. Gran parte di questo riguarda il miglioramento drastico della nostra resilienza, in particolare la nostra sicurezza economica”, ha affermato Sunak.

La conferma della posizione pro-Brexit

Una dura e definitiva rottura invece quella con l’Unione Europea, il Premier Sunak ha escluso infine qualsiasi possibilità di riallineamento con il diritto dell’Ue, promettendo però apertura alla collaborazione su temi comuni come il controllo dell’immigrazione irregolare o il supporto dell’Ucraina nel suo conflitto contro la Russia.

Sulla questione Russa Rishi Sunak ha deciso in realtà di spendere qualche parola in più, nel discorso il numero 10 di Downing Street ha condannato fermamente Mosca, rivelando la sua posizione fortemente pro NATO:”Dopo anni passati a spingersi oltre i confini, la Russia sta sfidando i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite” ha rivelato ai microfoni Sunak.

Continuando la presa di posizione citando nuovamente il colosso asiatico: “La Cina sta consapevolmente competendo per l’influenza globale usando tutte le leve del potere statale. Di fronte a queste sfide, il breve termine o il pio desiderio non basta. Non possiamo dipendere da argomenti o approcci della Guerra Fredda, o da semplici sentimentalismi sul passato. Quindi, faremo un salto evolutivo nel nostro approccio”, ha dichiarato.

 

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...