Da non perdere

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Mercosur-UE: un’occasione d’oro per il Vecchio Continente

Nel 2019 l'Unione Europea e Mercosur hanno firmato il più importante accordo commerciale al mondo, dopo tre anni, la ratifica e conseguente entrata in vigore tarda ancora ad arrivare, tra oppositori e sostenitori il libero commercio con il Sud America rimane ad oggi solo su carta

L’Unione Europea sogna di liberarsi dalla dipendenza di Russia e Cina, per farlo guarda verso Ovest, da oltre Oceano, Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay si elevano a nuovo faro per i partner Europei.

Cos’è il “Mercosur”

Il 28 Maggio del 2008 i 12 Stati dell’America Settentrionale, suggellarono un patto non troppo discordante da quello che il Trattato di Maastricht è stato per noi Europei, in sostanza, la creazione di un mercato comune in America meridionale.

Sebbene non si possa definire come una solida Alleanza Politica, il Mercosur ha ottenuto diversi risultati considerevoli per quanto riguarda le politiche interne al Sudamerica come  l’autostrada inter-oceanica, che unirà PerùBolivia e Brasile, l’anello energetico sudamericano, un progetto di forniture energetiche condivise dal Perù verso ArgentinaBrasileCileParaguay e Uruguay.

Accordo Mercosur Unione Europea

Dopo vent’anni di negoziati l’UE ed il Mercosur hanno in definiva trovato un accordo del testo che porterà ad un nuovo mercato di libero scambio attraverso un significativo abbattimento delle barriere doganali tra i due Continenti.

A livello tecnico l’accordo prevederebbe in Primis la rimozione totale delle tariffe oggi imposte per diversi asset strategici europei, come il settore auto tassato al 35% o l’industria tessile e d’abbigliamento con la stessa aliquota, settori questi, di considerevole interesse per il sistema industriale Italiano.

Il testo prevede inoltre un pacchetto di importanti semplificazioni relative alle notoriamente impossibilitanti procedure doganali sia in import che in export, inoltre è previsto un percorso di adozione in Sudamerica dei regolamenti tecnici già in vigore nell’UE, così da facilitare ulteriormente gli scambi tra i due blocchi.

IL Mercosur rappresenta per l’Unione Europea solo il sesto partner per flussi commerciali, mentre in Sudamerica il Vecchio continente rappresenta storicamente il primo partner economico, questa condizione di squilibrio è causa di malumori all’interno delle cerchie più nazionaliste delle classi politiche Sudamericane.

La questione Brasiliana

Il Brasile sta vivendo settimane d’incertezza, dovute dall’atteso “ritorno” dell’ex presidente Lula alla guida di un Paese sempre più povero e polarizzato, che si è scontrato con un sostegno per il presidente uscente, Bolsonaro, più solido del previsto.

Il favorito, Luiz Inácio Lula da Silva, sembrerebbe molto interessato alla firma dell’accordo con l’Unione Europea, tanto da rendere il trattato uno dei suoi punti cardine della campagna elettorale, avrebbe promesso infatti di ratificare gli accordi, in caso di una vittoria il 20 Ottobre al ballottaggio, entro i suoi primi 6 mesi di governo.

Il suo obiettivo sarebbe quello di aumentare la cooperazione, coordinamento politico e soprattutto commerciale tra le due regioni, per instaurare un regime preferenziale di scambio di beni e servizi, accompagnato da molti nuovi investimenti.

“Se vinco le elezioni, nei primi sei mesi si farà l’alleanza con l’Unione Europea. Un accordo che prenderà in considerazione la necessità del Brasile di industrializzarsi di nuovo”.

-Luiz Inácio Lula da Silva-

Una severa opposizione alla convalida degli accordi potrebbe invece arrivare dal Presidente in carica Jair Bolsonaro, tra l’ultra conservatore Brasiliano e l’Unione Europea infatti non è mai scorso buon sangue, rapporti precari che si sono ulteriormente inaspriti quando, sotto richiesta della Corte Elettorale Suprema Brasiliana, l’UE aveva mandato degli osservatori per vigilare sull’intero processo elettorale che sta attraversando il Paese.

Gli ostacoli verso lo storico Accordo

Le proporzioni di questa nuova prospettiva commerciale sono colossali, l’Accordo interesserebbe un volume di oltre 800 milioni di persone, intaccando mercati fortemente radicati e abitudinari di tutti i Paesi coinvolti.

Una volta conclusa la stesura del testo, si avvierà un processo burocratico titanico, l’Accordo dovrà infatti trovare la ratifica di tutti e 4 i Paesi del Mercosur, l’approvazione del parlamento Europeo che si dovrà inevitabilmente scontrare con le associazioni di categoria dei Paesi maggiormente interessati, come Francia, Italia, Spagna e Germania.

In definitiva le criticità che aspettano l’entrata in vigore dell’Accordo non si faranno attendere, non solo perché una tanto estesa apertura ad un nuovo mercato libero potrebbe spaventare le nostre già precarie economie, ma anche e sopratutto per la prospettiva di una seria minaccia alla rigidità degli standard alimentari europei.

Non è tuttavia in discussione che un progetto economico globale di questa portata rappresenterebbe una occasione inedita per l’Unione Europea di liberarsi da una condizione di servilismo verso i partner commerciali storici.

 

 

Articoli Recenti

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
22.6 ° C
23.7 °
20.8 °
61 %
2.7kmh
40 %
Lun
21 °
Mar
22 °
Mer
23 °
Gio
23 °
Ven
26 °

Altri Articoli

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica interessante e in un certo senso simile al bonus benzina di qualche settimana fa. La norma...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi di bonus. Certamente mancano le risorse, ma forse anche la visione di insieme. Oggi sono stati...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...