Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Le Nazioni Unite potrebbero salvare la Libia dall’oblio in cui la abbiamo abbandonata

Dopo anni di instabilità politica, l'arrivo dell'inviato speciale per le Nazioni Unite in Libia, Abdoulaye Bathily, potrebbe davvero rappresentare un punto di svolta nel raggiungimento di elezioni libere, democratiche e credibili nel Paese.

La comunità internazionale stima che non si raggiungerà una clima di stabilità in Libia, ottimisticamente, almeno entro la fine di agosto.

L’eterno periodo “postbellico” libico

Dalla caduta di Muammar al-Qaddafi, la Libia ha visto un susseguirsi di istituzioni governative scontrarsi per la propria affermazione nella direzione del paese nord-africano, da allora abbiamo assistito ad una serie di combattimenti intermittenti tra diverse milizie militari in tutto il Paese.

Il clima di pesante instabilità geopolitica sarebbe solo andato aggravandosi nel corso degli anni, episodi di rapimento, omicidi di stampo politico e pesanti scontri armati sono divenuti episodi all’ordine del giorno, in un paese martoriato dall’indifferenza di chi lo ha condannato all’oblio, ovvero noi occidentali.

Lo “scatolone di sabbia” è divenuto terreno fertile, ma per i movimenti estremisti

Confini porosi, instabilità politica, assenza di un organo governativo unificato e unificante, sono solo alcuni degli ingredienti per rendere appetibile una nazione all’avanzata di movimenti estremisti.

La Libia non è un eccezione, in particolare nella strategica regione del Sahel, militanti dello Stato Islamico (IS) starebbero riconquistando un punto di appoggio radicato nel Paese, il gruppo Islamista infatti sarebbe stato allontanato nel 2016 dalla propria roccaforte a Sirte, ma sembrerebbe voler riprendere sporadici attacchi nelle regioni meridionali e orientali proprio grazie alla conquista del Sahel.

I tentativi di rappacificazione delle Nazioni Unite

Nell’ottobre del 2020 le Nazioni Unite avrebbero dato vita ad una missione di sostegno in Libia (UNSMIL), l’obbiettivo principale sarebbe stato quello di mettere una pezza su uno dei più grandi fallimenti della comunità occidentale.

Sotto l’egida ONU turno convocate 75 delegati provenienti dai principali gruppi sociali libici e alcuni membri della camera dei rappresentanti (HOR), fu chiesto loro di di stabilire un tabella di marcia politica volta al raggiungimento di elezioni nazionali credibili e democratiche.

Passato alla storia come “Forum del dialogo logico” (LPDF), il summit generò dei risultati promettenti, fu istituito un governo di unità nazionale (GNU), con la nomina di Abdul Hamid Dbeibah alla carica di Primo Ministro (di transizione) del paese.

Si stabilì che le Elezioni nazionali si sarebbero dovute tenere nel Dicembre del 2021, ma in seguito ad un boicottaggio dell‘Alta Commissione Elettorale, il voto fu rimandato a data da destinarsi, con l’intensificarsi delle tensioni tra i gruppi armati del paese, le agognate giornate elettorali rimasero un miraggio, aggravando ulteriormente il già precario senso di fiducia nelle istituzioni del popolo libico.

Il dualismo governativo libico

Alcuni gruppi di opposizione all’interno di ciò che restava delle istituzioni libiche, bollò il primo ministro, incaricato per favorire la transizione politica, Dbeibah di aver intenzionalmente posticipato le elezioni a tempo indeterminato, come strumento per il mantenimento della propria carica politica, anche se mai legittimata dal popolo libico.

Il Parlamento di conseguenza, il primo Marzo del 2022, nominò un nuovo governo definito di “Stabilità Nazionale” (GNS), composto da tre Vice Primo Ministro, 29 Ministri e sei “Ministri di Stato”, con la nomina diretta di Fathi Bashagha alla carica di Primo Ministro.

Si venne quindi a creare un particolarissimo quadro di dualismo governativo, dove da un lato il Presidente Dbeibah rapresenta il governo riconosciuto dalla comunità internazionale, dall’altro il Primo Ministro Bashagha in rappresentanza delle istituzioni libiche territoriali.

Lo stallo in cui la Libia sembrerebbe condannata potrebbe però vedere uno spiraglio di speranza in fondo al tunnel. L’ONU infatti, il 16 Marzo 2023, sotto la sapiente guida dell’inviato speciale per le Nazioni Unite in Libia, Abdoulaye Bathily, avrebbero stabilito le nomine di un gruppo di altissimo livello libico, volto alla creazione di un quadro giuridico e di una tabella di marcia, questa volta vincolante, per lo svolgimento delle lezioni entro massimo la fine del 2023.

L’HLPE, questo l’acronimo designato per la task force ONU, fungerà solo da organo consultivo e di garanzia, in quanto sarebbe già stato stabilito che le autorità chiamate a redigere le leggi elettorali saranno unicamente libiche, più precisamente sei rappresentai dell’HoR e sei rappresentanti del Consiglio di Stato (HCS).

L’asso nella manica ONU per la Libia è il suo inviato speciale, Abdoulaye Bathily

L’inviato delle Nazioni Unite in Libia, Abdoulaye Bathily, ha discusso martedì con gli avvocati libici come possono svolgere un ruolo nella creazione di un quadro giuridico attuabile per elezioni nazionali inclusive.

“Oggi ho incontrato avvocati di varie regioni della Libia presso la sede dell’Ordine degli avvocati libico a Tripoli”, ha twittato Bathily.

“Hanno condiviso le loro intuizioni e osservazioni sulla bozza del quadro giuridico per le elezioni che è stata preparata dal comitato 6+6”, ha detto Bathily.

“Abbiamo discusso di chi possa svolgere un ruolo attivo, come avvocati e cittadini libici, nella creazione di un quadro giuridico attuabile e nel contribuire a un ambiente favorevole per elezioni nazionali inclusive”, ha sottolineato l’inviato delle Nazioni Unite.

 

 

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...