Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

17 maggio 1981. Il referendum abrogativo della legge sull’aborto

Per la rubrica Hi, Storia!, oggi ricordiamo una giornata fondamentale per l'affermazione dei diritti delle donne: il 17 maggio 1981, il referendum sull'abrogazione della legge 194/78 non passava, mantenendo l'IVG libera, entro certi limiti, tra le leggi dello Stato italiano

17 maggio 1981. Domenica mattina.

La sveglia suona presto, stamattina. Anche se è domenica. Il giorno del riposo dalle fatiche della settimana. Non ci sono impegni, di solito, la domenica mattina. Colazione, caffè, giornale. Poi in chiesa. Caffè al bar, mentre i figli giocano in oratorio. E in un attimo è già ora di pranzo. Oggi, poi, c’è l’ultima giornata del campionato di calcio. La Juventus capolista gioca in casa contro il Napoli e la Roma del capocannoniere Roberto Pruzzo, che è sotto di due punti, deve provare a cancellare la distanza a Pistoia. Non ci riuscirà. A Torino sarà grande festa per lo scudetto dei bianconeri.

Oggi, però, non è una domenica qualunque. Oggi le urne sono aperte. Si vota. Nel febbraio dell’anno scorso, il Movimento per la Vita ha iniziato a raccogliere firme. Per un referendum. Vogliono cancellare una delle conquiste più importanti, in tema di diritti civili, di tutto il periodo repubblicano: vogliono abrogare la legge 194/78. La legge sull’aborto. Perché, è il caso di ricordarlo, fino al 1978 abortire era reato. Per chi lo praticava, le pene andavano da un minimo di due a un massimo di dodici anni. Soprattutto, era punibile la donna che abortisse. Da uno a cinque anni di carcere.

La legge, ottenuta grazie all’azione del movimento femminista, dei tanti attivisti per i diritti delle donne e alla convergenza con parte della politica, era stata messa in discussione fin dalla sua entrata in vigore. La Democrazia Cristiana, il MSI, la Chiesa e parte della società civile vi erano apertamente contrari. Dall’altro lato dello schieramento i partiti laici. Socialisti, comunisti, repubblicani, liberali. E i Radicali. Soprattutto i Radicali. Che, quando il Movimento per la Vita iniziò a raccogliere le firme, rispose con una propria proposta referendaria: cancellare quelle restrizioni che la legge 194 ancora manteneva in vita. Ampliare ancora di più il diritto di abortire liberamente.

I quesiti referendari, in totale, sono cinque. Ci sono le due proposte di abrogazione della legge 194. Ma il Partito Radicale ha fatto altre tre proposte: abrogare la legge antiterrorismo del 1980, meglio conosciuta come la legge Cossiga; abrogare la pena dell’ergastolo; abolire la normativa relativa alla concessione del porto d’armi da fuoco. Ma saranno i due quesiti sull’aborto a dominare la scena e a far passare alla storia questa giornata.

Le proiezioni sono del tutto incerte. Non si sa quali siano i rapporti di forza – e di voto – tra i due schieramenti. Anche perché il fronte del sì non è compatto. Sia all’interno della Chiesa che nella Dc, non tutti sono contrari all’aborto. O almeno, ritengono ragionevole le norme previste dalla 194. L’affluenza non è alta, secondo i canoni di allora. Non arriva all’80%. Ma, com’è ovvio, il quorum viene raggiunto. I risultati del voto saranno validi.

In realtà, per i radicali non è un successo. Tutte le loro proposte sono respinte, con una netta maggioranza. Quattro no. E quello relativo alla 194 ne riceve addirittura 27 milioni. Quasi l’89%. Tuttavia, ciò che è più importante, è che nemmeno la proposta del Movimento per la Vita passa. Ventun milioni e mezzo di italiani votano no.

La legge 194 deve rimanere così com’è. Questo dicono gli italiani. L’interruzione volontaria di gravidanza, entro certi limiti, deve essere possibile da effettuare. Soprattutto, deve essere legale. Certo, rimane lo scoglio dell’obiezione di coscienza, che nei fatti rende più difficile la piena attuazione dell’IVG – e lo fa tuttora.

Ma, il 17 maggio 1981, uno dei diritti fondamentali delle donne veniva riaffermato, a furor di popolo. La legge 194 non venne abrogata.

Il diritto all’aborto resta, e continua a restare, nell’ordinamento legislativo italiano.

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...