Da non perdere

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Pechino condanna il G7: un “teatrino anti-cinese”

Il ministero degli Esteri cinese afferma che le azioni del Giappone sono state dannose per la sovranità e la sicurezza della Cina.

Il vice ministro degli Esteri cinese Sun Weidong ha convocato l’ambasciatore giapponese per registrare le proteste per “la campagna pubblicitaria sulle questioni relative alla Cina” al vertice del Gruppo dei Sette (G7) nel fine settimana.

I capi dei paesi più ricchi del mondo che si sono incontrati nella città giapponese di Hiroshima hanno espresso serie preoccupazioni per le crescenti tensioni nel Mar Cinese Orientale e nel Mar Cinese Meridionale, nonché per la situazione dei diritti umani in Cina, compresi Tibet e Xinjiang.

Sun ha affermato che il Giappone ha collaborato con gli altri paesi al vertice del G7 “in attività e dichiarazioni congiunte… per diffamare e attaccare la Cina, interferendo grossolanamente negli affari interni della Cina, violando i principi fondamentali del diritto internazionale e lo spirito dei quattro documenti politici tra la Cina e Giappone”, riferendosi al comunicato congiunto Cina-Giappone del 1972.

Un comunicato congiunto emesso dalle nazioni del G7 sabato ha individuato la Cina su questioni che vanno da Taiwan e le rivendicazioni marittime alla coercizione economica e ai diritti umani, sottolineando le tensioni tra Pechino e il gruppo dei 7 che comprende gli Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti stanno facendo pressioni per tessere una rete anti-cinese nel mondo occidentale”, ha affermato lunedì il Global Times in un editoriale intitolato “Il G7 è disceso in un laboratorio anti-cinese”.

La Russia, uno stretto alleato della Cina, che è stato anche richiamato nella dichiarazione del G7 sulla sua invasione dell’Ucraina, ha affermato che il vertice è stato un “incubatore” per l’isteria anti-russa e anti-cinese.

Separatamente, domenica l’ambasciata cinese nel Regno Unito ha esortato Londra a smettere di calunniare la Cina, dopo che il primo ministro britannico Rishi Sunak ha affermato che Pechino rappresenta la più grande sfida mondiale alla sicurezza e alla prosperità.

La Cina condanna fermamente le maligne calunnie del primo ministro britannico Rishi Sunak contro la Cina, esortando alcuni politici britannici a concentrarsi maggiormente sui loro problemi politici, economici e sociali interni di lunga data piuttosto che seguire gli Stati Uniti nel fomentare problemi, ha dichiarato l’ambasciata cinese nel Regno Unito.

Sun ha affermato che le azioni del Giappone sono state dannose per la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina“Il Giappone dovrebbe correggere la sua comprensione della Cina, cogliere l’autonomia strategica, aderire ai principi dei quattro documenti politici tra Cina e Giappone e promuovere veramente lo sviluppo stabile delle relazioni bilaterali con un atteggiamento costruttivo”, ha aggiunto.

Hideo Tarumi, ambasciatore del Giappone in Cina, ha confutato l’accusa affermando che è “imparziale” per il G7 fare riferimento a questioni di interesse comune come ha fatto in passato e continuerà a farlo in futuro, almeno finché la “Cina non cambierà il suo comportamento”.

“La Cina dovrebbe prima adottare misure positive per affrontare tali problemi se la Cina chiede di non farvi riferimento”, ha detto Tarumi a Sun.

Il segretario capo di gabinetto giapponese Hirokazu Matsuno ha affermato, durante il briefing di lunedì mattina, che la politica del paese nei confronti della Cina è stata coerente e che insisterà sulle questioni necessarie e solleciterà un comportamento responsabile, adottando misure per affrontare le preoccupazioni e cooperare su questioni comuni.

Articoli Recenti

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
24.3 ° C
27.8 °
22.9 °
54 %
4.6kmh
40 %
Lun
24 °
Mar
23 °
Mer
23 °
Gio
23 °
Ven
25 °

Altri Articoli

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica interessante e in un certo senso simile al bonus benzina di qualche settimana fa. La norma...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi di bonus. Certamente mancano le risorse, ma forse anche la visione di insieme. Oggi sono stati...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...