Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Nuovi equilibri e nuove forze politiche

Il malcontento della società per le politiche di austerità del governo Monti e la profonda sfiducia verso la politica tradizionale, la crisi del centro-destra di Berlusconi e, parallelamente, la scissione del Pd sul tema delle riforme istituzionali diedero presto i propri frutti. Nelle elezioni politiche del 4 marzo 2018 emersero due nuove forze: Il Movimento 5 Stelle, che ottenne il 32,7%, e la Lega di Salvini – profondamente trasformata da quella “originaria” degli anni ’90 –, che ricevette il 17,4% di preferenze; Forza Italia, che fino a quel momento era stato il primo partito dell’area del centro-destra, ottenne il 14%; il Partito Democratico, nuovamente con Renzi alla sua guida, si attestò al 18,7% mentre Liberi e Uguali, la minoranza ribelle del Pd renziano, si affermò con poco più del 3%.

Questa svolta nella politica italiana è stata identificata, da alcuni, come l’inizio della Terza Repubblica o, per essere più recisi, l’inizio della stagione populista. Venne a formarsi nel giugno 2018, dopo due mesi di mancati accordi, un governo di coalizione giallo-verde guidato da un professore universitario non eletto, l’avvocato del popolo, Giuseppe Conte, supervisionato da due vicepremier, una nuova figura istituzionale creata appositamente tale governo e ricoperta dai due segretari dei partiti vincenti: Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Oltre a questo ruolo, il leader della Lega ottenne il Ministero dell’Interno, mentre quello del M5S il Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico.

Il contratto di governo che fu siglato tra questi due partiti prevedeva l’abbassamento della pressione fiscale; il reddito di cittadinanza che era stato al centro della campagna elettorale pentastellata; la modifica della riforma delle pensioni varata dal governo Monti con una nuova formula, “quota 100”; nuove leggi sulla sicurezza e sull’immigrazione volute fortemente da Salvini e con il tacito consenso degli alleati di governo. Il terreno comune era la volontà di superare i partiti tradizionali, soprattutto per il M5S, e l’aperta sfida all’Unione Europea: questi due partiti si rappresentarono alle elezioni come dei paladini della società civile che da anni si sentiva abbandonata dalle istituzioni e dei partiti tradizionali. Tuttavia, quello che separava le due forze di governo erano le politiche industriali per il Nord promosse dalla Lega e le tematiche ecologiche e antindustriali fatte proprie dai Cinque Stelle

Si sa bene che il carnevale, nella storia italiana, è una costante, e anche in questa fase non mancarono autogol del tutto gratuiti: ad esempio l’affermazione di Conte di essersi laureato a Oxford, poi confutata dai registri ufficiali di tale università; nel settembre 2018 l’esultanza sul balcone di Palazzo Chigi, degna di una curva calcistica in uno stadio, di Di Maio dopo l’approvazione della manovra economica – o, così è stata chiamata dal vicepremier, «l’abolizione della povertà».

La Lega di Salvini

La Lega ottenne il 17,4% dei voti alle elezioni del 2018 presentandosi come un partito in cui il vecchio nazionalismo padano cedeva il posto per quello italiano. Salvini riuscì abilmente a imporre questa svolta concentrando tutta la campagna elettorale, dal Nord al Sud, sulla questione dei migranti e sulla sicurezza. Questa dialettica populista fece facilmente breccia nell’elettorato a causa dello scoppio nel 2015 sia della crisi dei rifugiati, sia della stagione del terrorismo internazionale, specie in Francia, di matrice islamica.

Nell’agosto 2019 la fine del governo gialloverde è avvenuta per mano di Salvini, che fece mancare il proprio appoggio alla maggioranza presentando una mozione in Senato. Una mossa che ricordò la caduta del primo governo Berlusconi per mano di Bossi ma che, realisticamente, consentì alla Lega e al M5S di non farsi carico di emettere una nuova di legge di stabilità in un quadro di stagnazione economica: entrambi ne uscirono lavandosene le mani.

Il Movimento 5 Stelle di Casaleggio e Grillo

L’affermarsi del M5S, con l’idea di portare nelle case degli italiani le decisioni politiche tramite il web, creò un’autentica spaccatura nella politica. Da una parte si situavano i partiti tradizionali credevano nella democrazia rappresentativa e nella democrazia dei partiti, in cui i dibattiti e la creazione di consenso passavano attraverso la stampa e i talk show televisivi; dall’altra, il mondo della rete, che voleva realizzare una democrazia diretta digitale superando ogni intermediazione politica tra i cittadini e le istituzioni – insomma, un nuovo mondo senza partiti, giornali, televisioni –; da un lato, quelli della Seconda Repubblica che credevano nel sapere dei tecnici per superare la Grande Recessione e le sfide della globalizzazione; dall’altra, i nuovi della Terza Repubblica che credevano nelle virtù della gente comune, che contrapponevano al docente universitario l’anonima casalinga in quanto simbolo di onestà. I primi erano impegnati nel creare un aumento della crescita economica senza però aumentare il debito pubblico, sempre sorvegliato dall’Unione europea; i secondi erano propensi alla decrescita economica, senza rendere conto a nessuno, come soluzione per scappare dalla trappola del capitalismo globale.

Da molti il risultato elettorale del M5S è stato descritto come una manifestazione di rabbia sociale galvanizzata dal populismo: rivolta ai processi della globalizzazione, sentimenti anticasta, giustizialismo e acuta insofferenza nei confronti della classe dirigente tradizionale.

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...