Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

5 gennaio. Nel ricordo di Peppino Impastato e Pippo Fava

Per la rubrica Hi.Storia!, oggi ricordiamo il 5 gennaio e due personalità centrali per il movimento antimafia e l’Italia intera: Peppino Impastato, nato il 5 gennaio 1948, e Giuseppe Fava, assassinato da Cosa Nostra catanese il 5 gennaio 1984. Una data che ha segnato un prezioso inizio e una tragica fine, e che unisce due simboli. Due semi. Buona lettura!

Nascere, crescere, vivere, morire. È il ciclo della vita. E il 5 gennaio è una data che, per il movimento antimafia, condensa tutte le sue fasi.

Peppino Impastato e Pippo Fava non condividono solo il nome, Giuseppe. Sono stati entrambi brillanti intellettuali. Hanno dedicato la loro vita a denunciare la mafia e i traffici illeciti mafiosi nelle rispettive città: Cinisi di Peppino, e Catania, città d’adozione di Fava. Hanno fatto con coraggio nomi e cognomi di chi accusavano. In una Sicilia in cui, si diceva, la mafia non esisteva.

Il ciclo della vita. Peppino Impastato, il 5 gennaio 1948, nasceva a Cinisi. Pippo Fava, il 5 gennaio 1984, un giovedì sera, veniva raggiunto da cinque colpi di pistola alla nuca mentre era in auto. Era da poco uscito dalla sede del giornale che aveva fondato e che dirigeva, “I Siciliani”.

Entrambi hanno pagato per la loro attività di opposizione alla mafia. Peppino, dalla sua “Radio Aut”, derideva e assieme denunciava le attività di “Don Tano seduto”, il “grande capo” di “Mafiopoli”. Un riferimento non velato a Gaetano “Tano” Badalamenti, il boss di Cinisi ed esponente di spicco di Cosa Nostra in Sicilia. Il corpo senza vita di Peppino fu trovato la mattina del 9 maggio 1978, sui binari nei pressi della stazione di Cinisi.

Pippo Fava, dalle colonne del suo giornale, diceva che la mafia, a Catania, esisteva eccome. E che non era una questione di pizzo, di piccola delinquenza. A Catania, la mafia faceva affari con imprenditori e politici. Fava non aveva paura a scrivere nomi e cognomi degli imprenditori collusi con Benedetto “Nitto” Santapaola, il boss mafioso del capoluogo etneo.

Entrambi sono stati uccisi non una, ma due volte. Di Peppino si disse a lungo che era morto mentre faceva saltare i binari. D’altronde, erano gli anni di piombo, e lui era stato membro di Lotta continua, uno dei gruppi della sinistra extraparlamentare che era stato protagonista negli anni precedenti. Per uno strano scherzo del destino, la mattina di quel 9 maggio 1978, un attentato fu compiuto davvero dell’estremismo rosso: Aldo Moro veniva rapito, in via Fani, dalle Brigate Rosse. Tramontata la pista dell’attentato, si disse che Peppino si era suicidato. Anche se gli indizi erano chiari, e portavano a un’altra conclusione.

Di Pippo Fava, invece, la polizia e i giornali dissero che fu vittima di un delitto passionale; poi, che il movente era da cercare nelle difficoltà economiche della sua rivista.

Entrambi sono vittime della mafia. Nel 1984 una sentenza firmata da Antonino Caponnetto riconosceva la matrice mafiosa dell’omicidio di Peppino Impastato, ma i colpevoli rimasero ignoti. Fino al 2002, quando Badalamenti fu riconosciuto colpevole di essere il mandante del delitto e fu condannato all’ergastolo.

Nel 1998, il tribunale di Catania incriminava Santapaola come mandante dell’omicidio di Pippo Fava. Sentenza confermata dalla Corte di Cassazione nel 2003. Aveva ragione lui. La mafia, a Catania, esisteva eccome.

Entrambi sono e rimarranno simboli della lotta alla mafia, esponenti della parte migliore del movimento antimafia. Esempi per le generazioni future.

Il ciclo della vita. Quando un frutto cade dall’albero, lentamente muore. Ma, morendo, libera i propri semi. Sprigiona una potenziale nuova vita. Ecco, Peppino Impastato e Pippo Fava sono andati oltre il ciclo della vita. Li hanno uccisi, ma non si sono accorti che erano semi. Semi che hanno germogliato, e continuano a vivere. Sempre.

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...