Da non perdere

Sondaggi politici. L’effetto Schlein e il dramma di Cutro

È lunedì. E come ogni lunedì, vi accompagniamo nella...

Se il Parlamento si trasforma in una tribuna elettorale

Mercoledì è andato in scena alla Camera il question...

Il Presidente cinese Xi Jinping incontrerà Vladimir Putin a Mosca, la Cina si è schierata?

La comunicazione da Pechino è ufficiale, il Presidente a...

Agostini, il campione del motociclismo

Giacomo Agostini è il miglior pilota motociclistico di tutti i tempi, con 15 titoli mondiali e 122 GP. Quella del campione italiano è una carriera leggendaria e ricca di successi, che ha segnato indelebilmente la storia del mondo delle due ruote

Agostini, il campione del motociclismo: meglio di lui, nessuno mai. Giacomo Agostini non ha bisogno di presentazioni, basta dare un’occhiata al suo palmarès per rendersi conto della grandezza di questo pilota. 

Tecnica sublime e sguardo glaciale, campione del mondo ben 15 volte. È considerato il predecessore di Valentino Rossi, anche se i numeri sono dalla parte di “Ago”, protagonista del motociclismo degli anni 60-70.

Dopo il ritiro dall’attività agonistica, Agostini è rimasto nel mondo delle due ruote ricoprendo ruoli come direttore sportivo ed opinionista del moto GP. Ripercorriamo la carriera del fuoriclasse di Lovere con un focus sui record non ancora eguagliati.

Agostini, il campione del motociclismo: la carriera

È il 1942 quando nasce la leggenda del motociclismo mondiale, Giacomo Agostini. La storia d’amore con i motori comincia fin dalla giovane età. Ha poco più di 10 anni quando, contro il volere del padre, inizia a disputare delle corse clandestine sulle tortuose strade della provincia. 

Sin da subito ci si accorse che il ragazzino era nato per correre, iniziò a vincere alle prime gare disputate sulla costiera del Lago d’Iseo. A 18 anni, una volta ottenuto il travagliato benestare del padre, comprò una “Settebello” da strada. 

Il cambio di passo arriva il 27 maggio del 1962, quando Giacomo riesce a sorprendere il commendator Alfonso Marini, che gli propone un contratto ufficiale. Inizia qui la carriera della leggenda del motociclismo.

Il fuoriclasse di Lovere non si fa aspettare, al debutto da pilota professionista, vince ben 2 competizioni: il Campionato italiano della montagna e di velocità Juniores.  

Nel 1965 passa a Mv Augusta e, l’anno successivo, vince il primo dei 7 titoli consecutivi nella classe 500. Per il primo successo nella 350, invece, deve attendere il 1968.

All’inizio degli anni 70, iniziano le prime divergenze con l’MV Augusta e, nel 1974, il pilota cede alla corte della Yamaha. Con il motociclo giapponese raggiunge il primato ancora mai eguagliato: conquista il 14° e il 15° titolo mondiale. 

Non appena le sue prestazioni diventano altalenanti e iniziano a mancare i successi, annuncia il ritiro: il 25 settembre del 1977, dichiara in un’intervista: “io corro per vincere, se non sono più in grado di battermi per questo, vuol dire che è l’ora di attaccare le scarpe al chiodo”. Debutta da campione e annuncia l’addio da leggenda: Grazie Ago.  

Agostini, il campione del motociclismo: i numeri

Quello di Agostini è un cammino leggendario, che lo rende il pilota più titolato nel mondo del motociclismo. Il suo palmarès non è ancora stato eguagliato, fino ad oggi nessuno ha fatto meglio di lui. La sua carriera copre l’arco temporale che va dal 1963 al 1977, su 230 GP disputati, è salito sul podio 163 volte trionfando in 122 Gran Premi.

Con uno stile di guida pulito e veloce, ha conquistato ben 18 volte il titolo di Campione D’Italia, di cui:

  • 16 nel tricolore seniores di velocità;
  • 1 nel campionato di velocità in salita;
  • 1 nella competizione Juniores 175.

 

Non è finita qui. Agostini è l’unico pilota italiano ad aver vinto la Duecento Miglia di Daytona ed è il più anziano ad aver trionfato nella classe 750: era il 1977, anno in cui annuncia il suo ritiro. 

Dulcis in fundo, il record dei record: 15 mondiali vinti. Proprio per questo viene soprannominato l’imperatore del motociclismo, è il pilota più titolato e completo di tutti i tempi.

Un’altra statistica significativa riguarda il numero di cadute del pilota. Sembra una banalità, ma non è così. In un contesto in cui le moto non erano tecnologiche e all’avanguardia come oggi, l’incidente in corsa era all’ordine del giorno. Agostini, in 15 anni di carriera, ha collezionato solo 7 cadute. Questo è un altro primato detenuto dal pilota. 

Agostini ha aperto una nuova era del Motorsport: ha creato l’immagine del corridore-star, pubblicizzandola in un’ottica aziendalistica. È lui che ha cambiato il mondo delle corse, rendendolo attraente per sponsor e investitori.   

Articoli Recenti

Sondaggi politici. L’effetto Schlein e il dramma di Cutro

È lunedì. E come ogni lunedì, vi accompagniamo nella...

Se il Parlamento si trasforma in una tribuna elettorale

Mercoledì è andato in scena alla Camera il question...

Il Presidente cinese Xi Jinping incontrerà Vladimir Putin a Mosca, la Cina si è schierata?

La comunicazione da Pechino è ufficiale, il Presidente a...

16 marzo 1978. Il rapimento di Aldo Moro

16 marzo 1978. Roma. Via Mario Fani. Ore 9:00. Parcheggiata...

Anarchia e guerriglia civile in Pakistan: rivolte in nome di “Imran Khan”

Un Tribunale Pakistano ha ordinato alla Polizia di sospendere...

Sparatoria ad Amburgo: attacco alla sala dei Testimoni di Geova in Germania

Secondo le prime ricostruzioni della polizia il movente dell'attentato...

La strage di Cutro: una vergogna italiana

Disgusto. Vergogna. Dolore. Sono queste le parole, con tutto il...

Ucraina: fonti di intelligence americane rivelano il coinvolgimento ucraino nel sabotaggio del “Nord Stream”

Secondo fonti di intelligence statunitensi, le prove raccolte suggerirebbero...

Cina: Dichiarazioni bellicose del nuovo Ministro degli Esteri Qin Gang contro Washington

Il Ministro degli Esteri cinese avverte del potenziale conflitto...

Guerra in Ucraina: Mosca punta sulla Moldavia

La Moldavia, un piccolo paese al confine sud-occidentale dell'Ucraina,...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
18.6 ° C
20.2 °
16.3 °
59 %
2.1kmh
40 %
Mar
18 °
Mer
18 °
Gio
20 °
Ven
19 °
Sab
19 °
Vittorio Megna
Vittorio Megna
Laureato in economia, appassionato di politica e sport, su Informazione Politica si occupa della rubrica Sport

Altri Articoli

Sondaggi politici. L’effetto Schlein e il dramma di Cutro

È lunedì. E come ogni lunedì, vi accompagniamo nella lettura e nella comprensione dei dati relativi ai sondaggi politico-elettorali pubblicato dal sito ufficiale dei...

Se il Parlamento si trasforma in una tribuna elettorale

Mercoledì è andato in scena alla Camera il question time, il primo di questa legislatura. Un format piuttosto interessante, un momento di confronto e...

Il Presidente cinese Xi Jinping incontrerà Vladimir Putin a Mosca, la Cina si è schierata?

La comunicazione da Pechino è ufficiale, il Presidente a vita Xi Jinping si recherà a Mosca la prossima settimana, dove intratterrà a porte chiuse,...