Da non perdere

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Biografia di Fidel Castro il “Lider Maximo Cubano”

Le origini, le ambizioni e l'ascesa al potere del leader rivoluzionari Cubano Fidel Castro, un uomo di umili origini che liberò la meravigliosa isola di Cuba dalla dittatura e dall'embargo Americano

“Un giorno il capitalismo negli Stati Uniti non ci sarà più perché nessun sistema sociale gerarchico è mai durato a lungo. Prima o poi le classi sociali non esisteranno più.”

-Fidel Castro-

Le origini di Fidel Castro

Nato a Mayarí, Cuba, il 13 agosto 1926, figlio di immigrati spagnoli, Fidel Castro è stato uno dei simboli della rivoluzione comunista a Cuba, la storia lo ha etichettato con opinioni contrastanti, chi lo definì un visionario illuminato e chi un dittatore senza rispetto per le libertà di opinione

Intrapreso da prima una militanza politica nell’ateneo che lo istruì nel 1945, l’università di Avana attraverso la lotta fra “gruppi di azione” di segno opposto sovente degeneravano in sparatorie, fra gli anni ’44 e ’52 infatti si registro un cospicuo numero i attentati scaturiti dall’ala ortodossa del Partito Popolare Cubano.

Una volta conseguita la laurea in legge nel 1950 e in seguito al golpe di Fulgencio Batista del 1952, Fidel Castro simpatizzò con un movimento barricadiero di cui ne assunse presto la leadership.

Il 26 luglio 1953 Fidel Castro coordina, con scarsissimi risultati un attentato alla Caserma Moncada a Santiago de Cuba, fallito l’attentato venne ritenuto unico responsabile ed incarcerato per sedizione dal regime.

Fù proprio in sede giudiziaria che il rivoluzionario di Avana chiamò a se le schiere di rivoluzionari che lo appoggiarono negli anni a venire, decise infatti di rappresentarsi da solo in tribunale, in quelle aule fomentò i dissapori che il regime provocava nella società Cubana.

L’ascesa al potere di Castro

In una arringa, che passò alla storia come: “La storia mi assolverà“, Castro delineò il programma politico che perpetuò nei quarant’anni che lo videro protagonista prima della Rivoluzione poi dell’esercizio del potere.

In quella storica arringa vennero toccati i temi più caldi che costringevano il popolo cubano ad una condizione di sudditanza verso il Regime, la distribuzione delle terre dei latifondisti dietro indennizzo, la confisca dei beni pubblici di cui i membri dei passati governi si appropriarono, misure per l’industrializzazione, cooperative agricole e sussidi per crisi delle locazioni urbane e così via, gettando la società Cubana nel fervore dell’onda Comunista.

L’eco della sua causa non bastò a negarli il carcere, anche se nel maggio 1955 Batista, il Leder a Cuba decise, per questioni di immagine presso il governo a Washington, di concedere l’amnistia ai compagni rivoltosi di Castro, molti dei quali lo accompagnarono, pochi mesi dopo, nel suo esilio in Messico.

Nello stesso 1955 il destino volle che Castro fece la conoscenza di Ernesto Guevara, con il quale intraprese un acceso confronto sulla reale condizione di sudditanza che affliggeva tutto il Sudamerica ad opera di Washington, da quell’incontro Fidel Castro partorì l’intenzione di organizzare un colpo di stato a Cuba ed il 2 dicembre 1956, seguito da 82 militanti armati rovescio il la dittatura da Avana.

Fidel Castro al Governo

Si dovette arrivare al 1959 prima che alle forze ribelli venne riconosciuta ufficialmente l’autorità di governare su Cuba.

In principio le politiche del Rivoluzionario furono prettamente di stampo etico ed ideologico, la lotta al traffico di droga, la chiusura delle case di giochi d’azzardo, la liberalizzazione di alberghi e spiagge dal monopolio dei circoli esclusivi, prima legittimati unicamente dal regime di Batista.

Pochi mesi più tardi, a Marzo, l’amministrazione Castro intraprese via via politiche sempre più ispirate dall’ideologia comunista, attraverso un drastico dimezzamento dei canoni d’affitto con il supporto dello stato, ed il ridimensionamento di beni necessari come libri scolastici, medicinali, trasporti pubblici e rete elettrica.

In seguito con l’istituzione della INRA (Istituto nazionale di riforma agraria), nella società agricola cominciò a crescere un malmostoso malcontento, ne susseguirono rivolte e manifestazione che culminarono con la fuga, negli Stati Uniti, del comandante delle Forze armate Pedro Diaz Lanz, e dall’arresto di Huber Matos, governatore della provincia di Camarguey, accusato di cospirazione per essersi opposto alla riforma agraria.

Gli ultimi anni del “Lider maximo cubano”

Governò fieramente, nonostante tutto, per quasi 50 anni, diventando un vero e proprio simbolo per la società Cubana tutta e quando a partire dal mese di dicembre del 2006 si inasprirono i suoi noti problemi di salute il 19 febbraio 2008 annunciò il suo ritiro dalle cariche presidenziali lasciando tutti i poteri al fratello Raul Castro Ruz.

Non vi dico addio. Spero di combattere come un soldato delle idee“, con queste parole si ritirò dalle cariche pubbliche, per spegnersi dieci anni dopo, il 25 novembre 2016 all’età di 90 anni, un’anno dopo l’annullamento da parte del presidente Americano Obama dello storico Embargo che afflisse l’isola per oltre 88 anni.

 

 

 

Articoli Recenti

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Le Nazioni Unite potrebbero salvare la Libia dall’oblio in cui la abbiamo abbandonata

La comunità internazionale stima che non si raggiungerà una...

Newsletter

Meteo

Roma
pioggia leggera
8.8 ° C
9.6 °
8 °
76 %
1.5kmh
100 %
Lun
14 °
Mar
15 °
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
13 °

Altri Articoli

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe prevista "nei prossimi giorni", inoltre si sarebbe tenuto a precisare che l'incontro sarebbe stato fortemente...