Da non perdere

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

19 marzo 1919. La nascita dei Fasci di Combattimento

Per la rubrica Hi, Storia!, questa settimana torniamo al 1919, a Milano. Dove un giovane Benito Mussolini diede avvio all'esperienza che si sarebbe trasformata, negli anni a venire, nella dittatura fascista. Buona lettura!

Milano, Piazza San Sepolcro, 23 marzo 1919.

Nel salone del Circolo dell’Alleanza industriale e commerciale si sono riunite un centinaio di persone, delle più diverse classi sociali e opinioni politiche: ex-interventisti, ex-combattenti, futuristi, anarco-sindacalisti, nazionalisti, ex-socialisti. Come mai?

Nelle settimane precedenti, sul suo giornale, «Il Popolo d’Italia», Benito Mussolini ha tenuto una pressante campagna che chiamava all’adunata i reduci della Grande guerra. Ma il suo obiettivo era farsi portavoce del diffuso malcontento che dominava la società italiana del primo dopoguerra.

L’Italia di questi anni è un Paese allo sbando. Versa in una gravissima situazione economica, politica e sociale: disoccupazione, povertà, crisi della classe dirigente liberale di fronte alla massificazione della politica; l’enorme problema del reinserimento in società dei reduci di guerra, traumatizzati da un’esperienza totalizzante e drammatica com’è stata la Prima guerra mondiale; un nazionalismo che soffiava sull’onta della mancata annessione di Fiume. E poi le grandi lotte socialiste e l’ondata di scioperi iniziata a giugno – periodo che passerà alla storia come il “biennio rosso”, tra il giugno 1919 e la fine del 1920 -, che in molti interpretano come l’inizio della rivoluzione comunista. Che fa paura: e se in Italia “si fa come in Russia”? Se i comunisti vicono?

Dal palco del Circolo dell’Alleanza industriale e commerciale, Mussolini espone il suo progetto: la creazione di un nuovo movimento, vitalistico e rivoluzionario, che trasformi l’“Italietta” giolittiana in una nuova, grande potenza europea.

Il programma del nuovo movimento, però, è ancora molto confuso. Si mescolano assieme istanze conservatrici e nazionaliste, come la rivendicazione di Fiume, ad altre socialisteggianti, come il suffragio universale, la partecipazione degli operai alle aziende, la conferma della riduzione dell’orario di lavoro a otto ore. D’altronde, politicamente parlando, Mussolini era nato socialista ed era stato il leader di quel partito fino alla svolta del luglio 1914.

Molto forte è la componente antimonarchica, antiparlamentare, anticlericale, antisocialista: insomma, una contestazione tout court della realtà del momento, dominata dai “rossi” e dalla lenta agonia di un sistema politico, quello liberal-democratico, che non aveva saputo cambiare per governare il nuovo mondo uscito dalla guerra.

Gli ascoltatori sono affascinati: Mussolini è un grande oratore, carismatico, dice esattamente quello che loro vogliono sentirsi dire, e soprattutto non rimanda questo progetto a un indeterminato domani.

No, Mussolini è un uomo d’azione e chiama a raccolta altri uomini d’azione, pronti a mobilitarsi immediatamente e anche a usare la violenza, se necessario.

Un triste presagio di ciò che avverrà negli anni successivi.

Il 23 marzo 1919, in Piazza San Sepolcro, nel Salone del Circolo dell’Alleanza industriale e commerciale, nascevano i Fasci di Combattimento.

Articoli Recenti

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
14.2 ° C
16.2 °
11 °
57 %
5.7kmh
40 %
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
17 °
Sab
21 °
Dom
25 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...