Da non perdere

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

15 gennaio 1993. L’arresto di Salvatore Riina

Per la rubrica Hi, Storia!, oggi celebriamo il trentennale di uno dei momenti di svolta nella storia dell'antimafia, della Sicilia e del Paese intero. Un'Italia in cui l'inchiesta Mani Pulite stava mettendo fine traumaticamente alla Prima Repubblica, e che ancora piangeva le morti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, la mattina del 15 gennaio 1993 si svegliò con una notizia clamorosa: Salvatore Riina era stato arrestato.

Palermo, 15 gennaio 1993. Ore 8.30.

In viale Bernini, da qualche giorno, è parcheggiato un furgone. Non è un buon segno. È ancora fresco il ricordo dell’autobomba che, parcheggiata a bordo strada, ha ucciso Paolo Borsellino e la sua scorta in via D’Amelio. E l’autostrada sventrata dal tritolo a Capaci, i corpi di Falcone, di Francesca Morvillo e della scorta.

Quel furgone, però, ha un altro scopo. È delle forze dell’ordine, ha una telecamera nascosta. È lì per portare a termine l'”operazione Belva”: la cattura del “capo dei capi” di Cosa Nostra, il ricercato numero uno d’Italia. Colui che, quegli omicidi, li ha ordinati. Salvatore “Totò” Riina.

Riina è latitante da 23 anni, dal 10 dicembre 1969, quando partecipa all’esecuzione del boss Michele Cavataio nella strage di viale Lazio. Ma non ha mai abbandonato Palermo. È passato da un covo all’altro, ben protetto dalle armi dei suoi sgherri, dall’omertà dei suoi sodali. Perché un capo mafia non abbandona mai il proprio territorio, il proprio “feudo”. La fonte del proprio potere.

Lo sa bene Baldassarre Di Maggio. È stato l’autista di Riina, prima che nelle grazie boss finisse Giovanni Brusca, l’esecutore materiale dell’attentato a Falcone. Con lui, Di Maggio aveva pessimi rapporti. E questo, nel mondo mafioso, significa morte certa. Fugge al Nord, allora, Di Maggio. Ma l’8 gennaio 1993 lo raggiungono i Carabinieri. E lo riportano a Palermo.

Lui parla. Fa i nomi delle persone vicino a Riina e dei luoghi dove lo ha incontrato, nel corso degli anni. Dà l’indirizzo dell’ultimo rifugio del boss. Un complesso residenziale in viale Bernini 54. Gli fanno vedere i video. E lui riconosce i figli di Riina.

È parcheggiato lì davanti il furgone. Dentro c’è il capitano “Ultimo” con altri uomini del ROS dei Carabinieri. E Baldassarre Di Maggio. A un tratto, esce un’auto dal cancello. Di Maggio riconosce l’autista, Salvatore Biondino, e il passeggero. È lui, Totò Riina. Il furgone viene messo in moto. Segue la Citroën di Riina. E, a un paio di chilometri di distanza, su Viale Regione Siciliana, la ferma. Biondino e Riina non oppongono resistenza.

Il 15 gennaio 1993 finisce la latitanza di Totò Riina. E, con essa, anche la fase “stragista” di Cosa Nostra. Ci sarà ancora un ultimo rigurgito, con le bombe che, tra maggio e giugno, colpiranno Firenze, Milano e Roma.

Ma questa è un’altra storia. Che, forse, Matteo Messina Denaro, arrestato dopo trent’anni di latitanza, potrà aiutare a chiarire.

Articoli Recenti

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il...

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

Newsletter

Meteo

Roma
nubi sparse
22.6 ° C
23.7 °
20.8 °
61 %
2.7kmh
40 %
Lun
21 °
Mar
22 °
Mer
23 °
Gio
23 °
Ven
26 °
Matteo Machet
Matteo Machet
Ho 31 anni e vivo a Torino, città in cui sono nato e cresciuto. Sono profondamente affascinato dal passato, tanto da prendere una laurea in storia - ambito in cui mi sto anche specializzando. Amo leggere, la cucina e la Sicilia, ma tra i miei vari interessi svetta il giornalismo: per questo scrivo articoli di storia, politica e attualità.

Altri Articoli

Il superbonus lavoro è un’invenzione giornalistica

Il superbonus lavoro è una sorta di invenzione giornalistica interessante e in un certo senso simile al bonus benzina di qualche settimana fa. La norma...

La politica fiscale non funziona con i bonus

La politica fiscale del Governo sembra andare avanti a colpi di bonus. Certamente mancano le risorse, ma forse anche la visione di insieme. Oggi sono stati...

La politica italiana alla prova delle riforme

La politica italiana dovrebbe finalmente decidere come affrontare il tema delle riforme, mai più che oggi urge una necessaria riforma del fisco, del lavoro...