Da non perdere

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Il Presidente cinese Xi Jinping incontrerà Vladimir Putin a Mosca, la Cina si è schierata?

Il leader cinese Xi Jinping volerà a Mosca la prossima settimana per incontrare il presidente Vladimir Putin nella sua prima visita in Russia da quando Putin ha lanciato la sua devastante invasione dell'Ucraina più di un anno fa.

La comunicazione da Pechino è ufficiale, il Presidente a vita Xi Jinping si recherà a Mosca la prossima settimana, dove intratterrà a porte chiuse, un confronto con Vladimir Putin.

Le dichiarazioni a caldo

Il Cremlino ovviamente non smentisce la notizia, stando a fonti di palazzo nell’incontro tra i Presidenti di Russia e Cina, si discuterà di “partenariato globale e cooperazione strategica“; allarmando non poco la comunità internazionale, che vede in Pechino un alleato per la Russia troppo forte da fronteggiare.

L’incontro tra i Capi di Stato arriva, non casualmente, in seguito alla nomina del nuovo Ministro degli esteri cinese e alle sue dichiarazioni provocatorie contro gli Sati Uniti; la Cina infatti si autoproclamerebbe unico mediatore di Pace in Ucraina, accusando l’Occidente di aver riservato una “tiepida accoglienza” al conflitto in Ucraina.

Una foto del momento storico

Questa sarà la prima visita del Presidente Xi in Russia da quando le truppe russe hanno invaso l’Ucraina. Lunedì dovrebbe pranzare con Putin, seguito da colloqui martedì.
Un portavoce del Ministero degli Esteri ha affermato che la Cina sosterrà “una posizione obiettiva ed equa” sulla guerra in Ucraina e “svolgerà un ruolo costruttivo nella promozione dei colloqui per la pace”.

In realtà l’incontro tra Xi e Putin in questo particolare momento storico non è che la riconferma del solido lega che unisce i due Paesi, i due Leader infatti condividerebbero una visone del Mondo molto simile, in particolar modo il concetto di multipolarismo.

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping

Tuttavia fino a questo momento la Cina si sarebbe riservata il diritto di non schierarsi apertamente in merito al conflitto in Ucraina, Pechino infatti non avrebbe fornito alcun genere di aiuto concreto a Mosca nella sua guerra contro l’Occidente, al contrario si sarebbe diverse volte dichiarata solidale alla causa Ucraina.

Pechino infatti tenterebbe di rassicurare i partner occidentali sulla natura della visita a Mosca, funzionari cinesi avrebbero dichiarato infatti che: “Gli elementi che guidano gli interessi di visita sono la pretesa cinese della propria neutralità e la disponibilità ad agire come onesto mediatore tra Mosca e Kiev”.

Alcuni tra gli osservatori internazionali, tuttavia, ammonirebbero sulle reali intenzioni di Pechino, Xi si pensa, avrebbe un particolare interesse sul prolungarsi della guerra in Ucraina, per Pechino infatti l’Occidente impegnato in una guerra in grado di prosciugarne forze e denaro sarebbe una manna dal cielo; farebbero notare che nonostante le proposte della Cina prevederebbero negoziati di pace e il rispetto della sovranità nazionale, il documento in 12 punti non specificherebbe mai il ritiro delle truppe Russe dal territorio Ucraino.

La reazione di Kiev al vertice Xi-Putin

A febbraio, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky dichiarò di voler incontrare Xi Jinping: “Voglio davvero credere che la Cina non fornirà armi alla Russia”, avrebbe detto.
Alcuni media statunitensi avrebbero riferito che Xi e Zelensky parleranno al telefono dopo la visita del Leader cinese a Mosca, ma la notizia deve ancora godere di una conferma ufficiale.

Indiscrezioni infatti lascerebbero pensare che a Kiev gli animi si starebbero infervorendo, l’opinione pubblica ucraina infatti sosterrebbe che la visita del presidente cinese in Russia sia un segnale rivolto all’occidente:“Mosca non è sola”.

Il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kubela avrebbe dichiarato: “Non credo che la Cina abbia raggiunto la decisione di armare la Russia. Né penso che la visita si tradurrà in pace… La visita a Mosca di per sé è un messaggio ma non credo che avrà delle conseguenze immediate”.

Il messaggio, secondo Kuleba, sarebbe che: “Cina e Russia sono molto vicine, abbastanza vicine da permettere al leader cinese di visitare la sua controparte russa, che non se la passa molto bene,  penso che questo sia il messaggio al mondo intero, all’Occidente ma anche, cosa più importante, al non-Occidente, che la Russia non è sola, che la Cina sta parlando con loro”.

Le osservazioni americane

La massima aspirazione per gli Stati Uniti d’America sarebbe una via di comunicazione diretta tra XI e Zelensky, lo stesso portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale avrebbe dichiarato: “sarebbe un’ottima cosa se i due parlassero”. Sebbene i colloqui non sarebbero ancora arrivati ai vertici dei due governi, il nuovo Ministro degli Esteri cinese avrebbe contattato il suo omologo ucraino, invitando Kuleba a riprendere quanto prima in negoziati di pace con Mosca, stando ad alcune indiscrezioni i due avrebbe poi discusso del “significato del principio di integrità territoriale”.

 

Articoli Recenti

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe...

Proteste a Sweida: Il Popolo siriano, portato allo stremo, ripudia al-Assad

Le proteste continuano per una seconda settimana a Sweida,...

Il BRICS espande i propri confini ammettendo 8 nuovi membri

Il gruppo che comprende cinque principali economie emergenti: Cina,...

Guerra in Ucraina: rischio di escalation in seguito all’invio di armamenti francesi a Kyiv

Le azioni della Francia contribuiscono alla "escalation" nella guerra...

La “Triade Nucleare” in Cina è realtà, ma i dissidenti si nascondono tra i massimi vertici di Pechino

Il generale Li Yuchao che dirigeva l'unità della Forza...

Il Pakistan è ostaggio di se stesso, si preannunciano violenti disordini per tutto il 2023

L'arresto dell'ex primo ministro Imran Khan in un caso...

Le Nazioni Unite potrebbero salvare la Libia dall’oblio in cui la abbiamo abbandonata

La comunità internazionale stima che non si raggiungerà una...

Newsletter

Meteo

Roma
cielo coperto
12 ° C
12.9 °
10.8 °
67 %
1kmh
100 %
Gio
12 °
Ven
14 °
Sab
14 °
Dom
17 °
Lun
14 °

Altri Articoli

Germania e Israele: Storico accordo per lo scudo missilistico dal valore di 3,5 mld

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius e il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant firmano uno storico accordo volto all'implementazione della sicurezza aerea...

Arabia Saudita e Israele: a pochi passi da un accordo di normalizzazione tra i due paesi

Durano ormai da mesi i tentativi di Arabia Saudita ed Israele, volti al raggiungimento di un accordo di normalizzazione delle relazioni che intercorrono tra...

Russia: confermata la visita del leader nordcoreano Kim Jong Un a Mosca

Fonti ufficiali del Cremlino confermano che la visita sarebbe prevista "nei prossimi giorni", inoltre si sarebbe tenuto a precisare che l'incontro sarebbe stato fortemente...